Ostia

La selezione di immagini presente in questa galleria è il frutto di anni di ricerca fotografica compiuta a Ostia. Il mare, e le località ad esso prossime, mi hanno sempre attratto notevolmente portandomi spesso a frequentarle non solo nel periodo estivo. Le stagioni fredde allontanano le masse di turisti da questi luoghi che assumono tinte spettrali e mistiche. Questa metamorfosi mi ha sempre affascinato e fotografando Ostia nel corso degli autunni e degli inverni ho potuto osservare attentamente i segni di questo cambiamento ciclico. Vi è un insieme di strutture in particolare su cui il cambiamento si evidenzia, ovvero le strutture adibite al turismo.


L’insediamento urbano di Ostia lido ha origini molto recenti e risale ai primi anni del XX secolo. I primi stabilimenti balneari furono costruiti a cavallo della prima metà del secolo scorso, proliferando poi negli anni del secondo dopoguerra. Queste strutture oggi, fortemente ristrutturate, mantengono le forme e le caratteristiche dei primi anni e donano al lungomare un aspetto vagamente vintage.


Durante il lavoro l’attrazione per queste strutture è cresciuta in modo esponenziale. Inizialmente ho trovato piacevole camminarci vicino, anche se la mia attenzione ancora non era rivolta a loro. Lentamente ho messo a fuoco che erano l’origine del mio desiderio di fotografare e ho deciso di approfondire lo scenario architettonico del lungomare di Ostia, con un approccio di matrice ancora paesaggistico. L’architettura, poi, ha prevalso sul paesaggio naturale circostante diventando il focus della mia ricerca. Queste immagini raccontano il lungomare ritraendo gli edifici quando l’elemento umano è assente, non solo dall’inquadratura, ma anche dall’ambiente in generale.